BRINDARE A CAPODANNO, BOLLICINE DEL NORD EST.

“….IL SEGRETO DEL PROSECCO E’ QUELLO DI ESSERE, LA SEMPLICE POZIONE MULTIUSO PER CIASCUNO E PER  TUTTI, UN VERO “CARPE DIEM…”

Che sia stato un 2012 ricco di soddisfazioni, o che sia stato un anno da cancellare, il 31 dicembre un sonoro brindisi non ce lo leva nessuno.

Fosse almeno come auspicio per un miglior avvenire, un buon bicchiere di bollicine in tavola non deve assolutamente mancare. Oggi, voglio consigliarvi cosa stappare allo scoccare della mezzanotte, proponendovi una selezione di bottiglie originarie del Nord Est.

 

Il territorio del Prosecco si estende nella fascia collinare della provincia di Treviso, compresa fra le cittadine di Conegliano e Valdobbiadene. Un insieme di catene collinari che dalla pianura si susseguono fino alle Prealpi. Se Conegliano è considerata il centro culturale della zona del Prosecco e sede della Scuola Enologica e delle istituzioni di ricerca, Valdobbiadene, che ogni anno ospita la Mostra Nazionale dello Spumante, ne costituisce il cuore produttivo.

La zona di produzione si estende sulla fascia collinare della Marca trevigiana, fra Conegliano, Vittorio Veneto, Pieve di Soligo, Vidor e Valdobbiadene; interessa 15 comuni e si estende su un’area di circa 18 mila ettari di superficie agricola. La vite è coltivata solo sui versanti meridionali, a un’altitudine compresa tra i 50 e i 500 metri slm. Attualmente all’albo Doc sono iscritti circa 4.100 ettari di vigneto, lavorati da 3.300 viticoltori, da cui sono stati raccolti nelle ultime vendemmie circa 105 quintali per ettaro.

Le aziende spumantische sono oltre cento, il che fa del comprensorio di Conegliano-Valdobbiadene il più importante distretto enologico italiano specializzato nella produzione di spumante con metodo Charmat.
Il clima del comprensorio collinare, insieme alle caratteristiche dei terreni e alle esposizioni prevalentemente meridionali dei versanti, rende questa zona particolarmente adatta alla viticoltura. Un clima piacevole, tanto che storicamente i nobili veneziani amavano trascorrere l’estate in questi luoghi per sfuggire all’afa lagunare.

La storia del Prosecco è una storia antica e diverse sono le ipotesi avanzate sulla sua origine. La più accreditata identifica il Prosecco con un vino noto ai tempi dell’Impero Romano, il Pucino, proveniente dalle colline carsiche che incorniciano a nord il golfo di Trieste, dove esisteva una località omonima e un vitigno del tutto simile denominato Glera. Le catalogazioni compiute nelle colline di Conegliano-Valdobbiadene all’inizio del Novecento mostrano l’esistenza di vari biotipi di prosecco.

Ecco il nostro consiglio per salutare il nuovo anno, una selezione dei migliori prosecchi del Nord Est:

–          Valdobbiadene Prosecco Superiore Dei Casel extra dry, meritevole davvero,

dell’Azienda Adami: perlage sottile e sentori agrumati rendono questo vino un toccasana per chi in menù ha un piatto di pesce.

–          Valdobbiadene Prosecco Superiore Prestige extra dry di Mionetto, prodotto con uve glera e caratterizzato da un inconfondibile sapore di mela acerba. Provatelo con i crostacei o con un paté di fegatini.

–          Ed infine, ma non meno degno di nota è il Maso di Ronche Conegliano Valdobbiadene brut dell’Azienda Agricola Cenetae. Raffinato e dal perlage persistente, è fantastico non solo con il pesce, ma anche con zucca e asparagi.

Ecco a voi un primo piatto raffinato sfizioso e nutriente che ben si sposa con tutti i tipi di Prosecco sopra elencati.

Bucatini agli scampi e radicchio

Ingredienti:
2 radicchi rosso di Treviso tardivo, 1 kg di scampi, 1 cipolla, 100 g burro, 400 g bucatini, 1 bicchiere vino bianco, prezzemolo, sale pepe

Procedimento:
affettate finemente la cipolla e soffriggete in una padella con metà del burro: aggiungete il radicchio ben lavato, asciugato e tagliato alla julienne e fate rosolare a fuoco basso per 5 minuti. Sgusciate gli scampi e prima di gettare le teste strizzatele nella padella per recuperarne al massimo il sapore. Rosolate quindi gli scampi sgusciati a fuoco medio, con sale, pepe e il bicchiere di vino bianco. cuocete infine la pasta al dente, scolate e saltate nella padella con il condimento. Fuori dal fuoco, aggiungete il rimanete burro e una spruzzata di prezzemolo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...