Chiesa di San Canziano

Conosciuta popolarmente anche come “Chiesa di Santa Rita” è storicamente un luogo di fede e raccoglimento. 
La chiesa è dedicata ai santi fratelli Canziano, Canzio, Canzianilla e a Proto, martiri di Aquileia. I lavori di ricostruzione ed ampliamento della chiesa primitiva, una delle più antiche della città, gravemente danneggiata dal disastroso terremoto del 1117 e dal terribile incendio del 1174, furono terminati nel 1617. Durante i lavori la zona presbiteriale fu trasferita da est a sud, ma il campaniletto romanico rimase inalterato. Il restauro del 1955 ha messo in luce, sul fianco destro della attuale costruzione, parte della vecchia facciata con il rosone ed alcune finestrelle, di un periodo che si ritiene successivo al 1117.
Il motivo dell’arco di trionfo romano ripreso sulla facciata è attribuito ad un architetto locale di cultura palladiana, Vincenzo Dotto o Giambattista della Sala. All’interno di nicchie poste tra gli intervalli delle semicolonne, due statue in pietra tenera, del padovano Antonio Bonazza (1698-1763),  rappresentano la Purezza e l’Umiltà. Posti sopra l’attico i quattro Evangelisti e i due bassorilievi con episodi della vita di San Canziano di Pietro Danieletti (1712-1779).
All’interno, ai lati dell’altare maggiore, entro nicchie, sono collocate statue in terracotta rappresentanti i santi Agnese ed Enrico, a sinistra, e Anna e Girolamo, a destra. Le statue, ad esclusione di quella di Sant’Anna, sono tutte attribuite allo scultore trentino Andrea Briosco (1470-1532) che giunto a Padova, fu allievo di Bartolomeo Bellano, a sua volta era stato allievo di Donatello. L’affresco sulla facciata della chiesa della Vergine Immacolata con i Santi titolari, ristrutturato nel 1955, è opera di Lodovico di Vernansal (1689-1749).  Alessandro Varotari (1588-1648), detto il Padovanino, è invece autore della pala sopra l’altare maggiore. Sull’altare della parete di destra compare un’altra immagine dell’Immacolata ad opera di Francesco Zanella, un pittore padovano attivo in città e nei dintorni tra il ‘600 e il ‘700. Nella parete di sinistra, tre pale presentano momenti della vita di San Carlo, di Sant’ Antonio e di Santa Rita da Cascia, il culto della quale, tuttora particolarmente vivo, venne introdotto in questa chiesa all’inizio del Novecento. Per i padovani infatti la Chiesa di S. Canziano è la chiesa di S. Rita. L’altare dedicato alla santa risale al 1930 e la pala posta sopra di esso è opera della pittrice Cecilia Pivato Caniato (1886-1966). Sopra la porta della sacrestia si trova una grande tela di Pietro Damini (1592-1631), Il miracolo del cuore dell’avaro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...