La Conca delle Porte Contarine

La Conca delle Porte Contarine, il monumento idraulico più insigne di Padova, è stato costruito nel XIII secolo durante il governo del podestà Contarini.
La Conca prende probabilmente il nome dal podestà, ma è anche possibile che il nome derivi dalla contrada Contarinorum.

Le Porte Contarine consentivano il ricongiungimento di due corsi d’acqua: quello del Naviglio Interno, proveniente da sud e che attraversava il centro città, e il Piovego.
Sfruttando la caduta d’acqua della Conca, nel 1900 furono accese le prime lampadine elettriche a Padova.
L’Oratorio della Beata Vergine, che si affaccia sulla Conca delle Porte Contarine, è dedicato alla Madonna dei Barcari che lo eressero nel 1723.
Sulla lapide della parete ovest dell’Oratorio sono scolpite le tariffe per il transito dei natanti. Il testo non è leggibile completamente perché fu riscolpito all’inizio dell’800 forse per cancellare l’immagine del leone marciano.

Nella parte inferiore della lapide invece, sono riportati i vari tipi di imbarcazioni previste al transito per il trasporto passeggeri e del legname.
A Padova si possono ammirare le verdi golene addossate alle mura veneziane, erette dopo che la città, nel 1509, durante la guerra della Lega di Cambrai, fu assediata e presa dalle truppe imperiali di Massimiliano d’Austria. La città fu subito liberata e il Senato veneziano  ordinò il rifacimento del sistema difensivo, modello esemplare per l’architettura militare del tempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...